Chi è Diego Armando Maradona?

CHI E' DIEGO ARMANDO MARADONA?

Diego Armando Maradona è stato il più grande calciatore di tutti i tempi!
Per dimostrare questo, basti pensare che il gol più bello della storia del calcio è stato realizzato da Maradona nel mondiale del 1986 in Messico contro l'Inghilterra quando dribblò mezza nazionale avversaria e il portiere mettendo la palla in rete. E precedentemente nello stesso incontro aveva segnato un altro gol famosissimo: quello con la "Mano di Dio" quando beffò avversari e arbitro segnando con la mano.

Diego Armando Maradona è nato il 30 ottobre del 1960 nel quartiere povero di Villa Fiorito, nella periferia di Buenos Aires. Diego è cresciuto con il calcio. Fin da piccolo era un vero 'fenomeno' del pallone. Durante l'intervallo delle partite dell'Argentinos Juniors un ragazzino delle giovanili, il cui nome era Diego Armando Maradona, intratteneva il pubblico accorso allo stadio facendo palleggi e magie con il pallone. "¡Que se quede!, ¡que se quede!" (=fatelo restare!) gridava il pubblico in delirio. La sua rapida carriera iniziò appunto nell'Argentinos Juniors, per poi proseguire nel Boca Juniors, sempre in Argentina. Ricevette giovanissimo la convocazione in nazionale e guidò la nazionale giovanile a vincere il titolo mondiale nel 1979. Dopo il mondiale del 1982 in Spagna, giunse in Europa al Barcellona per due stagioni. Nel 1984 fu ingaggiato dal Napoli, squadra con cui ha vinto due scudetti (1986/87 e 1989/90), una Coppa Italia (1987), una Coppa UEFA (1989) e una Supercoppa Italiana (1990). Nel frattempo era stato l'eroe della vittoria dell'Argentina al mondiale del 1986 in Messico: disputò un torneo strepitoso che gli consentì di entrare nella leggenda del calcio.
Venne squalificato per uso di sostanze proibite nel campionato italiano nel 1991 e, dopo due brevi esperienze nel Siviglia e nel Newell's Old Boys, tornò al suo amato Boca Juniors, dopo essere anche stato allenatore di due squadre del campionato argentino.

Nel mondiale del 1994 negli Stati Uniti Maradona venne squalificato dopo la partita con la Nigeria per aver usato efedrina, sostanza non consentita dalla FIFA. Venne sospeso per oltre un anno dai campi di gioco. L'Argentina stava giocando molto bene con Diego in squadra, ma appena il suo capitano venne squalificato, la squadra si smarrì e fu subito eliminata dal torneo.

Dopo la squalifica, è ritornato a giocare per il Boca Juniors fino al 1997: il 30 ottobre 1997, infatti, giorno del suo 37esimo compleanno, ha annunciato il suo ritiro dal calcio.

Nessuno può permettersi di giudicare la vita di un'altra persona, e tantomeno la difficile vita di Maradona. Ma chiunque può permettersi di giudicare quello che ha fatto sui campi di calcio di tutto il mondo. E saremo sempre tutti d'accordo nel dire che quello che ha fatto sul terreno di gioco è davvero qualcosa di unico e indimenticabile. GRAZIE, DIEGO.

Torna a Maradona a Napoli
Torna a Un omaggio a Maradona