Si' 'a vita 'e Napule

Si' 'a vita 'e Napule

Stasera v'aggia dicere na'cosa

ca' a tantu tiemp' ve vulev di'
Napule e' bell ppe cchi' ven a luntan
ca saglie ncopp' sant'antonio e guard
o' ciel, o' mar, Mergellin e o' sol
e all'urdema distanz sta o' Vesuvio
ma mo' ce saglie io pure a Sant'Antonio
pecche' da vasc' nun se vede nient
voglio vede stu paravis' io pure
ca a tantu tiemp nun o ved cchiu'
e ssaglie ssaglie ncopp' a stu balcone
m'affaccio e o'paravis e' assaie cchiu' bell e primm
mo' saie ch' ffacc nun me ne scenn' cchiu',
e' o'ver o'ssacc' 'a verita' nun e' cchesta
cchiu' ssaglie semp cchiu' paravis vir'
ma quann' scinn' abbascie na delusion dint,
stu paravis bell, d'infern s'e' dipint.
 
A DIEGO MARADONA SPERANDO CHE LEGGENDOLA SI RENDA CONTO, CHE NOI NAPOLETANI SAPPIAMO CHE LA VITA E' FATTA DI BELLO E DI BRUTTO, NOI DA TE ABBIAMO AVUTO
IL BELLO DELLA NOSTRA STORIA E PER QUESTO TI RINGRAZIAMO, E RICORDATI CHE IL BRUTTO DELLA TUA VITA E' ANCHE IL BRUTTO DELLA NOSTRA, E SE TU SOFFRI NOI  SOFFRIAMO COME TE, PERCIO' CERCA DI NON SOFFRIRE PIU', PERCHE' INSIEME A TE SOFFRONO ALTRI MILIONI DI PERSONE, "NOI NAPOLETANI".
 

                                            GENEROSO DEL GAIZO